Sottraevano ai clienti i risarcimenti per gli incidenti stradali, due avvocati e due loro collaboratori nei guai

Roma. Si appropriavano dei risarcimenti destinati ai propri clienti per alcuni incidenti stradali: indagati a Roma 2 avvocati e due loro collaboratori. Ingenti le cifre sottratte, quantificate in 1,8 milioni di euro. I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno notificato gli avvisi di conclusione indagine a due avvocati romani, indagati per truffa ed appropriazione indebita aggravata a danno dei propri clienti, nonché per autoriciclaggio. Le indagini – svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale – hanno avuto origine dalla segnalazione di un’operazione bancaria sospetta: il tentativo, da parte di due cittadini di nazionalità rumena, di prelevare in contanti circa 600mila precedentemente ricevuti, tramite bonifico, quale risarcimento danni a seguito di un incidente stradale.