Campidoglio, al via messa a reddito degli appartamenti del patrimonio disponibile. Raggi: fine di affittopoli

Roma. La Giunta Capitolina ha approvato la Ridefinizione del piano di intervento sulle locazioni relative al patrimonio disponibile ad uso abitativo di Roma Capitale con relativo incremento delle entrate per l’Amministrazione. “È la fine di ‘affittopoli’”, dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi, che ha presentato questa mattina in conferenza stampa i contenuti del provvedimento insieme all’assessora al Patrimonio e alle Politiche abitative Rosalba Castiglione ed alla presidente della Commissione Patrimonio, Politiche abitative e Progetti speciali Valentina Vivarelli. “La rivoluzione – prosegue la sindaca – interesserà circa 570 appartamenti, determinando un introito stimato per le casse capitoline di quasi 7 milioni di euro all’anno a fronte dell’attuale di circa 1 milione e 100 mila euro. L’incremento è del 627%. Assicureremo finalmente una valorizzazione ottimale degli immobili del patrimonio disponibile ad uso abitativo di Roma Capitale, mettendo fine ad ingiustificabili disparità di trattamento e aumentando gli introiti a disposizione per investimenti nei servizi ai cittadini e nello sviluppo della città”.

 

La delibera prevede la valorizzazione e la messa a reddito di tutto il patrimonio disponibile di tipo abitativo attraverso l’applicazione di canoni di libero mercato con durata minima di 4 anni, previo esperimento della procedura di asta pubblica e aggiudicazione dell’immobile con il criterio del maggior rialzo rispetto all’importo posto a base. Ogni singola unità immobiliare interessata dal provvedimento sarà quindi oggetto di stima sulla base del valore medio delle locazioni secondo quanto stabilito dalle tabelle OMI. In attesa dell’asta, per le occupazioni senza titolo si procederà alla richiesta dell’indennità di occupazione determinata secondo tali criteri. I contratti di locazione con gli attuali inquilini saranno disdettati. “Siamo orgogliosi dell’obiettivo che abbiamo raggiunto e che porterà benefici a tutti i cittadini. Con oggi poniamo fine a uno scandalo per troppo tempo perpetrato ai danni della collettività e mai risolto dalle precedenti Amministrazioni. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a questa rivoluzione, a partire dai dipendenti e dalle dirigenze dell’Amministrazione”, dichiara l’assessora al Patrimonio e alle Politiche abitative di Roma Capitale Rosalba Castiglione. “Garantire trasparenza ed equità anche nella gestione del patrimonio disponibile di Roma Capitale è fondamentale. L’approvazione di questa delibera costituisce un passo importante che i cittadini chiedevano da tempo e per il quale siamo stati chiamati ad amministrare questa città”, commenta la presidente della Commissione Patrimonio, Politiche abitative e Progetti speciali Valentina Vivarelli.