Nasconde la droga in un tombino, gli agenti si fingono acquirenti e arrestano pusher romano

Roma. Lo hanno notato armeggiare in un tombino, così insospettiti dagli “strani” movimenti, gli agenti del Commissariato San Basilio, diretto da Agnese Cedrone, da diversi giorni impegnati in servizi di appostamento, hanno deciso di controllare l’uomo.

B.R. 64 enne romano, scambiati gli agenti in borghese per degli acquirenti, proponeva, per la scelta preferita, la “merce” a sua disposizione. Solo in un secondo momento avvistati i cani antidroga, posizionati poco distanti, ha iniziato ad urlare “levate levate”, così da far dileguare i suoi complici.

L’uomo è stato bloccato dai poliziotti e, sottoposto a controllo il tombino, sono state ritrovate circa 160 dosi di cocaina pronte per essere smerciate. Tratto in arresto dovrà rispondere di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.