Viterbo. Viterbo, quartiere Paradiso, ci troviaCroce-Rosariomo nella zona che tutti abitualmente chiamano “la Rotonda” e dove qualche anno fa fu posta la statua di Santa Maria De Mattias, religiosa dell’Ottocento che fondò la congregazione delle suore adoratrici del Sangue di Cristo. La statua nel tempo era stata abbellita da qualcuno con un rosario posto nella mano sinistra dell’immagina sacra. Rosario che ora non c’è più “grazie ” a ladri che sono entrati in azione spinti da chissà quale motivo, dato che la refurtiva è palesemente di poco valore, se non quello legato al gesto di fede e misericordia per chi lo aveva messo lì. E allora ecco che proprio la stessa persona, accorgendosi del furto sacrilego, ha voluto lasciare un messaggio al ladro. Lo ha scritto su un foglietto di carta semplice: “Mi rivolgo alla persona ignobile che ha avuto il coraggio di rubare il rosario che avevo lasciato. Vergogna”. Già, vergogna. E la curiosità di cosa ci avrà fatto con quel “trofeo” incivile.