Roma. Il sipario del Teatro Costanzi, il 21 maggio, si alzerà per la prima volta su un allestimento firmato da Giorgio Strehler. Il nome del grande regista non era mai apparso nei cartelloni del Teatro dell’Opera di Roma. Per ricordare Strehler,teatro-dell-opera-169098 il sovrintendente Carlo Fuortes ha deciso di portare a Roma ‘Le nozze di Figaro’ di Mozart nello storico allestimento scaligero, che fu diretto da Muti, il quale avrebbe dovuto dirigerlo anche nella Capitale. Dopo il suo addio, però, sul podio salirà il maestro Roland Boer. “Giorgio Strehler è stato tra i più grandi registi italiani del Novecento. Con le sue ‘Nozze di Figaro’ – dice Fuortes- il Teatro dell’Opera vuole rendergli omaggio e offrire agli spettatori uno dei suoi spettacoli più celebri. Ringrazio il Teatro alla Scala e il suo sovrintendente Alexander Pereira per la collaborazione e la grande disponibilità dimostrata verso il nostro teatro”. Lo storico allestimento, un classico del teatro mozartiano, ha le scene di Ezio Frigerio e i costumi di Franca Squarciapino, e fu pensato da Strehler negli anni Settanta per la reggia di Versailles. I personaggi nell’ideazione del regista triestino si muovono, cantano in grandi spazi vuoti, dai colori settecenteschi, che lasciano alla musica e ai sentimenti il centro dell’azione. Gli interpreti sono già noti al pubblico romano: Alessandro Luongo, Eleonora Buratto, Markus Werba, Rosa Feola, Michaela Selinger, Isabel De Paoli, Carlo Lepore, Matteo Falcier, Damiana Mizzi e Graziano Dallavalle. Maestro del Coro, Roberto Gabbiani. Dopo la ‘prima’ del 21 maggio, alle 19, ‘Le nozze di Figaro’ sarà replicata il 24 maggio alle 16,30; il 26 e 28 maggio alle 19; il 30 e 31 maggio alle 16,30; quindi il 3 giugno alle 19. Roland Boer è una giovane bacchetta che ha già diretto le maggiori orchestre internazionali ed ha al suo attivo un vasto repertorio lirico, tra cui l’’Idomeneo’ all’Oper Frankfurt, ‘Adriana Lecouvreur’ all’Opéra de Nice, ‘Il flauto magico’ alla Scala, i quattro concerti finali del Concorso Regina Elisabetta (Voice 2014) con l’Orchestre du Théâtre de la Monnaie a Bruxelles. Recentemente ha diretto all’Opéra de Nice una nuova produzione di ‘Turandot’, quindi ‘Il flauto magico’ al Teatro Petruzzelli di Bari, la ripresa del ‘La traviata’ all’English National Opera, ‘Il barbiere di Siviglia’ all’Opera Nazionale di Budapest e ancora ‘L’elisir d’amore’ al Teatro Colón di Buenos Aires.