Giudonia. Arresti domiciliari per il primo cittadino di Giudonia Eligio Rubeis (Forza Italia), accusato di pressioni su imprenditori locali per ottenere assunzioni di persone che aveva segnalato. Il provvedimento di custodia cautelare, emesso dal gip di Tivoli, è stato notificato dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato, che contestualmente hanno fatto partire una serie di perquisizioni: a casa del primo cittadino, in diversi uffici del municipio e in alcune aziende del posto con le quali erano intercorsSindaco di Giudonia Eligio Rubeise le relazioni finite sotto la lente della procura. Tra queste una clinica privata a cui, secondo le accuse mosse, il sindaco avrebbe sollecitato l’assunzione di una infermiera e chiesto agli uffici competenti di Palazzo Guidoni di sbloccare il pagamento alcune fatture scadute. I reati ipotizzati sono: concussione, corruzione e induzione indebita a dare o promettere utilità. Le vicende riguardano assunzioni di personale presso imprese locali, incarichi pubblici e pagamenti di fatture da parte del Comune di Guidonia Montecelio. Gli elementi finora acquisiti si basano essenzialmente su attività di intercettazione ambientale e telefonica. Nell’ambito dello stesso procedimento la procura ha emesso una serie di decreti di perquisizione e sequestro presso gli uffici pubblici e le imprese coinvolte nei fatti. Un terremoto politico per il centro più grande dell’hinterland con i suoi 100mila abitanti. In queste ore è in corso una riunione di maggioranza convocata d’urgenza proprio per valutare i profili della situazione.