Roma. “Dal primo ottobre, per tre giorni alla settimana, saranno sparpagliati sul territorio 200 dirigenti-controllori con funzione di Polizia amministrativa”. Così si pronuncia il direttore generale di Atac, Francesco Micheli. Di fronte a questa sentenza, il capogruppo della maggioranza, Fabrizio Panecaldo, rilancia: controllore atac“Noi chiediamo che tutti gli amministrativi di Atac vadano al servizio controlleria e biglietteria almeno una volta a settimana ed entro il Giubileo”. Sono iniziati proprio in questi giorni i corsi di formazione rivolti al personale Atac con la qualifica di Polizia amministrativa. L’azienda ha accelerato quindi il processo di controlleria e l’assessore Stefano Esposito spiega che “per intervenire in alcuni punti è necessario che torni a esistere il gruppo dei vigili in capo alla Mobilità e ai trasporti: per la verifica sui mezzi e sulle metro, sul tema delle doppie e triple file e dei parcheggi fuori spazio”. A concludere è poi ancora Micheli che sostiene: “il sistema politico si deve assumere una responsabilità oggettiva: negli ultimi tre anni a questa azienda è venuto meno il minimo di linfa vitale. Ho dovuto fare un piano straordinario di ricambistica per tentare di essere pronti per ripartire a settembre in modo umano, e non lo siamo. L’intreccio tra politica e sindacato e stato decisamente negativo”. Giulia Di Giovanni