Frosinone. Venti ordinanze di custodia cautelare sono scattate questa mattina all’alba in un’operazione dei carabinieri nelle provincie di Caserta, Napoli, Avellino, Frosinone, Alessandria, Perugia e Pordenone. Le misure sono state adottateimg1024-700_dettaglio2_Arresti-da-parte-dei-Carabinieri-nel-corso-di-unoperazione-contro-la-criminalit-organizzata-a-Roma-afp su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Napoli al termine di un’inchiesta sulle attività svolte dai clan “Bifone” e “Petruolo” per conto del clan “Belforte” di Marcianise, in provincia di Caserta. I reati ipotizzati sono quelli di associazione per delinquere di stampo mafioso, tentativo di omicidio, incendio doloso, porto abusivo di armi, usura, estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti, tutti commessi con l’aggravante del metodo mafioso. Fra gli episodi al centro dell’inchiesta, anche due intimidazioni nei confronti di due sottufficiali dei carabinieri, avvenute nei mesi scorsi quando i militari erano in servizio nella sezione di polizia giudiziaria della procura di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta e alla stazione di Portico di Caserta.