Roma. Due morti sospette dopo l’assunzione del vaccino antinfluenzale si sono verificate a Roma. Si tratta di due anziani: una donna di 92 anni e un uomo di 77 anni. Entrambi di recente avevano fatto il vaccino antiinfluenzale Fluad. La donna di 92 anni è morta oggi al Policlinico Gemelli dove era ricoverata. L’uomo di 77 anni invece è giunto cadavere al Gemelli e proveniva dall’Aurelia Hospital. La Regione Lazio ha disposto il blocco totale della distribuzione e somministrazione del Fluad, compresi i lotti non segnalati. Le dosi dei lotti sospetti sono complessivamente 57 mila su un totale di 947mila dosi. La campagna di vaccinazione è già a due terzi dell’obiettivo stabilito. In una nota la Regione Lazio sottolinea che “la vicenda del vaccino ha risentito di grossi limitid58c72f778f1ed1b67ecf93747ca96a6 di comunicazione poichè ad oggi il Lazio non ha ricevuto segnalazioni da parte dell’Agenzia del farmaco”. E intanto sale a undici il numero delle morti sospette legate al vaccino antinfluenzale Fluad di Novartis. I pazienti sarebbero deceduti dopo aver fatto la profilassi; erano anziani, vicini ai 90 anni, un po’ da tutt’Italia: Siracusa, Termoli, Lecce, Prato, ma anche Roma, Genova e Parma. L’Agenzia italiana del Farmaco ha vietato la vendita di due lotti, il «142701» e il «143301», «a titolo esclusivamente cautelativo», come si legge nella sua nota. E il direttore generale dell’Aifa, Luca Pani, spiega: «Non è certa la relazione fra la somministrazione del vaccino e la morte», perché «i numeri sono troppo bassi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *