chavo-con-su-bici-sube-a-metro121Roma. Arrivano finalmente notizie positive per i ciclisti romani. Ormai sono sempre di più i cittadini della Capitale che scelgono di effettuare spostamenti in bicicletta per la città. Infatti la bicicletta non solo non inquina e favorisce un allenamento del fisico, ma fa risparmiare anche sul costo della benzina. Non pochi però sono gli svantaggi che si riscontrano nel muoversi con la bicicletta in una città come Roma, con poche piste ciclabili e limitati servizi che consentono lo spostamento sui mezzi pubblici. Infatti l’accesso con bicicletta, ad esclusione di quelle elettriche, sulle linee metro A e B è consentito nei giorni feriali dopo le 20.00 e il sabato e nei giorni festivi per tutta la durata del servizio. Passeggero e bicicletta sono ammessi solo sulla prima carrozza nella direzione di marcia del treno. Le biciclette pieghevoli possono viaggiare gratuitamente ogni giorno della settimana per tutta la durata del servizio. Sulle due linee della metropolitana e sulla ferrovia Roma-Lido è consentito anche il trasporto di biciclette elettriche a pedalata assistita, ad esclusione di quelle dotate di batterie al piombo. Per gli abbonati Metrebus il trasporto della bicicletta è gratuito, altrimenti anche per ogni bicicletta va acquistato un biglietto, il costo quindi attualmente sarebbe di 3 euro per corsa Sicuramente questi disagi non favoriscono i tanti ciclisti romani, ma la musica sembra che stia per cambiare. Infatti, complice la crisi, dato che sono sempre di più le persone che scelgono il ciclismo per spostarsi, pare che le istituzioni stiano cercando di migliorare la situazione. Proprio pochi giorni fa infatti, il 14 giugno, in concomitanza con la manifestazione “30 e Lode” per chiedere di abbassare il limite di velocità a 30km/h, è stata inaugurata la pista ciclabile che da Monte Ciocci porterà fino alla stazione di MoMTBnte Mario.  Un evento a cui ha partecipato lo stesso sindaco di Roma Ignazio Marino. La nuova ciclabile, di per sé, non migliora di molto la viabilità romana essendo un percorso di soli 5 km. Nonostante questo, l’evento è di fondamentale importanza perché potrebbe, finalmente, inaugurare una serie di aperture al ciclismo su cui il sindaco basò la campagna elettorale ma che ancora non aveva dato segno di volersi concretizzare. Marino, in corrispondenza delle sue promesse infatti annuncia che dal 1° agosto il trasporto pubblico diventa più “bike friendly”, sarà infatti possibile accedere con la bici a bordo di 17 linee di superficie, di cui 12 bus e 5 tram. Inoltre, secondo quanto riportato da La Repubblica, il sindaco di Roma avrebbe intenzione di inaugurare una nuova fascia oraria in cui accettare le biciclette sulla metropolitana. Sempre da agosto infatti, si potrà salire in metro con la propria bicicletta anche dalle 10.00 alle 12.00. Per tutto il mese di agosto, per altro, sarà possibile salire in metro per tutta la durata del servizio. Le premesse sembrano buone e se gli impegni verranno rispettati, potrebbe essere finalmente l’inizio di grandi cambiamenti per la Capitale. Giulia Di Giovanni