Roma. Una ragazza greca di 17 anni è precipitata ieri sera da un balcone del secondo piano di un albergo di via Cristoforo Colombo a Roma nel quartiere Eur. La giovane è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni. Sul posto la polizia che indaga sulla vicenda. A quanto accertato la 17enne era a Roma in gita scolastica, secondo indiscrezioni la ragazza era triste perché credeva che i genitori si stessero per separare, li aveva visti bisticciare e, nel suo mondo da adolescente, la sola idea che la sua famiglia si potesse sfaldare la preoccupava più di ogni altra cosa. Era questo che angosciava A. D. Lo aveva confidato alle amiche durante i cinque giorni trascorsi in gita scolastica nella Capitale. Di venire a Roma nemmeno se la sentiva e, fino all’ultimo, era stata ambulanza-118-indecisa se acquistare o meno il biglietto per il viaggio. Un volo micidiale di quasi sei metri, in una serata di festa, l’ultima da trascorrere in gita nella capitale con la sua scuola prima di riprendere l’aereo l’indomani e tornare a casa da mamma, papà e dal fratellino più piccolo. Nessun biglietto, nessuna frase sul diario, solo supposizioni che farebbero pensare a un tentativo di suicidio. Per ora gli inquirenti non hanno elementi per ritenere che A. D. sia stata spinta da qualcuno al di là della ringhiera bianca che delimitava il terrazzino della stanza che divideva con altre compagne di classe. Un ragazzo avrebbe persino tentato di riprenderla per le gambe, senza riuscirci. La giovane, impattando al suolo, ha riportato traumi multipli e di grave entità.  Trasportata d’urgenza dal 118 all’ospedale Sant’Eugenio é poi trasferita al Cto, dove è stata sottoposta ad un intervento chirurgico. Nella caduta ha riportato traumi alla testa, sul corpo e varie emorragie. Le sue condizioni sono gravi ed è ricoverata in prognosi riservata. Sul posto è intervenuta la polizia che indaga sulla vicenda. Gli agenti, diretti da Francesco Zerilli, hanno ascoltato i suoi compagni di classe e in particolare le ragazze che dividevano con lei la stanza d’albergo ed erano presenti quando è volata giù. Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto. Da una prima ricostruzione sembra che gli studenti abbiano cenato in albergo e che la ragazza, probabilmente ubriaca, dopo essere rientrata in camera si sia sporta dalla ringhiera e sia caduta giù facendo un volo di circa 10 metri. Al momento gli investigatori escludono l’ipotesi che qualcuno l’abbia spinta, propendendo invece per l’incidente o un tentativo di suicidio. Secondo chi indaga, la 17enne, sporgendosi dal balcone, potrebbe essere stata trascinata giù dal peso del corpo o potrebbe aver deciso di lasciarsi andare. E intanto sono arrivati i genitori della studentessa con un volo dalla Grecia per starle accanto in ospedale. La ragazza sarebbe dovuta ripartire ieri insieme ai compagni di classe da Roma.