Roma. Mentre qualche giorno fa i Radicali hanno presentato un esposto alla Corte dei Conti per denunciare i bassi livelli di raccolta differenziata dei rifiuti a Roma negli anni dell’amministrazione Veltroni prima ed Alemanno poi, la situazione si fa sempre più critica anche ora. Il sindaco Ignazio Marino ha ufficializzato da mesi l’inizio della raccolta differenziata in alcuni municipi della capitale, ma il servizio funziona a stento e molte sono le lamentele che arrivano da cittadini privati e proprietari di esercizi a causa dei numerosi ritardi dell’operato dei dipendenti Ama. Ma ciò che in realtà vi stiamo denunciando in queste immagini è la situazione del V municipio, in realtà non incluso ancora nell’operazione di raccolta differenziata. Nei quartieri di questo territorio infatti ancora sono presenti i vecchi e cari secchioni dell’immondizia nei quali, in barba alla civiltà ed ai richiami ambientalisti, finisce praticamente di tutto, senza distinzione alcuna. E ciò che rende tutto ancora più incivile e scandaloso è l’emergenza che si presenta sulla gran parte delle strade del quadrante sud-est di Roma. Da circa quattro giorni infatti la raccolta non viene effettuata. Il caso vuole che il clima ancora assista la situazione: infatti anche se il calendario ci potrebbe far pensare a temperature elevate, così ancora non è. Lo spettacolo resta ad ogni modo indecoroso e molto fastidioso per tutti i cittadini, costretti a vedere le proprie strade in un tale degrado. Ciò conferma che il problema è reale e non sporadico. I cittadini chiedono che questo non si verifichi prima che il caldo renda anche l’aria irrespirabile.