Roma. Meno tasse per più cittadini, meno ‘poltrone’ negli organi, un fondo da 90 milioni per i Comuni del Lazio. Sono le innovazioni più rilevanti contenute nella proposta di legge 147, la ‘spending review’ regionale, altrimenti nota come ‘collegato’, che è stata approvata la scorsa notte dal Consiglio regionale del Lazio. L’aspetto su cui la giunta punta di più è quello dell’esenzione per il 2014 dal +0,6% dell’Irpef oltre che per tutti gli scaglioni di reddito superiori a 15 mila euro, anche per i soggetti con reddito fino a 28 mila euro: 1,2 milioni di contribuenti, oltre ai 900 mila fino a 15 mila già esentati. Viene poi istituito il ‘Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio’, finanziato con 90 milioni in tre anni. Sarà più facile pagare, anche a rate, i debiti tributari nei confronti della Regione, e sarà riorganizzata l’Arpa, l’Agenzia regionale di protezione ambientale. La ‘spending review’ riduce inoltre da 5 a 3 il numero dei membri dei collegi sindacali delle aziende sanitarie: un taglio di 42 poltrone che vale circa 630 mila euro all’anno di risparmi. Non è l’unica novità in campo sanitario: si fissano regole più stringenti per la nomina dei direttori sanitari, e viene escluso dalla nomina a direttore generale chi sia stato condannato, anche in via non definitiva, dalla Corte dei conti. Per la sanità privata le autorizzazioni diventano più semplici, liberaliREGIONI: LAZIO; PRIMO CONSIGLIO REGIONALE CON POLEMICAzzando le procedure per il loro rilascio. Viene inoltre ridotto da tre a uno il numero dei componenti degli organi di revisione di alcuni enti regionali, una sforbiciata che vale ulteriori 54 poltrone. Addio a enti come Abecol, il Comitato tecnico-scientifico per l’Ambiente e il Consorzio di gestione delle grotte di Pastena e Collepardo. La spending review regionale prevede inoltre una modifica della legge su Lazio Service, dispone l’obbligo per le controllate e le partecipate di inviare alla Regione il proprio piano industriale per un’approvazione. Si rafforza il coinvolgimento dei Comuni nella classificazione delle aree demaniali. Entro dicembre la Regione arriverà per tutti i Comuni il nuovo sistema informatico unico per la modulistica. Si istituisce poi il primo Catalogo dei sinkhole, fenomeni naturali di sprofondamento. Istituita poi la Consulta dei lavoratori atipici e dei liberi professionisti e la Consulta dei servizi regionali dell’impiego. Viene introdotta una nuova disciplina per l’apprendistato e viene istituito un Fondo di rotazione per sostenere le industrie cinematografiche e audiovisive. Infine, saranno semplificate le procedure amministrative nel settore delle attività estrattive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *