Roma. Il Tar del Lazio ha rigettato il ricorso di alcuni operatori contrari al provvedimento del Campidoglio che avrà effetto dal 10 di luglio. In particolare il piano del Campidoglio, presentato a fine giugno, prevede che dal 10 luglio le postazioni mobili di ristoro, insieme ai venditori di souvenir e ai fiorai vadano via dall’area del Colosseo, da via dei Fori Imperiali, ma anche zone come il Pantheon e piazza di Spagna. Pena la rimozione da parte della forza pubblica. I camion bar (che occupano 22 delle 76 postazioni in ballo) potranno operare a lungotevere Oberdan, lungotevere Testaccio, lungotevere Maresciallo Diaz e via della Piramidcamion bare Cestia. Quanto ai venditori di souvenir, la destinazione è via di San Gregorio, lato Celio. Il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva in quanto “non sussistono i presupposti di estrema gravità e urgenza”, trattandosi, “non di cessazione dell’attività, ma di una mera ricollocazione, sia pure in una zona che si asserisce essere di minor valore commercia”. Il Tribunale quindi ha respinto la “richiesta di misure cautelari provvisorie» e ha fissato «per la trattazione collegiale dell’istanza cautelare la camera di consiglio del 29 luglio 2015”. Soddisfatto il sindaco Marino.