Roma.  Pubblico numerosissimo, lo scorso sabato 22 novembre, per l’edizione 2015 di Sparkle Day l’evento che celebra gli spumanti secchi italiani e in occasione del quale è stata presentata la tredicesima edizione della guida Sparkle. Le sale del primo piano dell’Hotel Westin Excelsior di Roma sono state costantemente gremite di pubblico appassionato,  attento e curioso. “E’ sempre emozionante per noi che organizziamo quest’evento, constatare come il pubblico aspetti Sparkle e vi prenda parte attivamente. Insomma, è stata una grande soddisfazione – racconta il curatore della guida Francesco D’Agostino – vedere le tante persone che hanno preso parte all’evento, degustare intelligentemente e con curiosità. Abbiamo notato insieme ai produttori – continua D’Agostino – che il consumatore di bollicine che partecipa allo Saprkle day non si accontenta più di assaggiare qua e là, piuttosto vuole capire le differenze tra le varie etichette, si informa assaggiando e interagendo direttamente con i produttori. Insomma il grande idownload (1)mpegno profuso dai protagonisti di questo comparto vinicolo negli ultimi venti anni, per dare dignità a un prodotto oggi nobilissimo – continua D’Agostino – è finalmente ripagato da un consumatore evoluto che apprezza e incentiva le aziende a fare ancora meglio.”  La folla di appassionati che ha riempito le sale dell’Excelsior a Roma lo scorso sabato decreta la fine della moda delle bollicine  e sancisce l’ingresso in una fase più evoluta, in cui il vino spumante secco italiano acquisisce la dignità di eccellenza del made in Italy grazie alla consapevolezza dei suoi consumatori.