Roma. «Il mondo dell’edilizia residenziale pubblica esprime grande soddisfazione per l’approvazione del Piano casa, che fa definitivamente chiarezza sull’appartenenza delle abitazioni popolari degli Iacp e degli ex Iacp all’alveo degli alloggi sociali. Una conquista importante, che avrà ripercussioni positive sulla legge di stabilità, ottenuta grazie alla sensibilità del ministero delle Infrastrutture e della politica, di un Parlamento che trasversalmente ha ascoltato e accolto le richieste accorate della nostra Federazione. Così Emidio Ettore Isacchini, presidente di Federcasa. «Il Piano casa tracciato dal ministro Lupi è il punto di Cortei Roma:in testa Movimenti Casa e No Tav,No Muos,No Expopartenza imprescindibile per dare risposte concrete a un fabbisogno abitativo crescente in ogni angolo del Paese – continua Isacchini -. Gli Enti casa daranno, come del resto sempre hanno dato, il proprio contributo per raggiungere gli obiettivi prefissati: incrementare l’offerta degli alloggi e migliorarne la qualità. Auspichiamo altresì che prosegua la stretta collaborazione con i comuni, con i quali contiamo di avere importanti sinergie, oltremodo necessarie per il conseguimento dei risultati. In merito alla Tasi – conclude il presidente di Federcasa – ci auguriamo che da parte dell’Anci vi sia un indirizzo omogeneo sul territorio nazionale, al fine di non creare inquilini di serie A e di serie B. Noi saremo sicuramente vicini per garantire che il settore abbia le disponibilità economiche delle quali necessita”.