Roma. Un uomo è stato soccorso in un palazzo di Tor Bella Monaca alla periferia Est di Roma con ferite d’arma da fuoco alle gambe. L’episodio è accaduto ieri intorno alle 17 in via dell’Archeologia. Secondo quanto si è appreso alla base del gesto sembra esserci un regolamento di conti per un compravendita di un alloggio popolare. L’uomo nella serata ha cercato di sfrattare una famiglia che stava occupando in maniera illegale l’appartamento che gli era stato assegnato. Inquiline abusive dell’alloggio’sono due donne che dopo essersi scontrate con il signore in maniera verbale e con toni molto accesi, hanno chiamato in aiuto un loro amico. Quest’ultimo giunto sul posto polizia volante 5ha sparato un colpo di pistola contro l’uomo e ha ferito con il calcio della pistola il figlio 17enne. I due sono stati portato dal 118 in ospedale. Il padre trasferito in codice rosso al policlinico Tor Vergata. Non sarebbero in pericolo di vita, il proiettile sarebbe, infatti, entrato e poi uscito dalla gamba.  A dare l’allarme al 113 alcuni condomini che hanno sentito forti rumori e uno sparo.  Quando l’ambulanza è arrivata i due feriti erano nella tromba delle scale. Dal palazzo sarebbe stato visto un uomo fuggire, ora ricercato dalla polizia. Ci sarebbe già l’identikit: trent’anni, alto più di un metro e ottanta, occhi chiari. Anche le due donne sono scappate prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. L’uomo ferito, un 45enne già conosciuto dalle forze di polizia per piccoli reati, sarà ora interrogato dagli investigatori per ascoltare la sua versione. Per capire, prima di tutto, chi sia l’assegnatario dell’appartamento conteso dalle due famiglie. Dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che l’alloggio incriminato sia finito al centro di un giro di compravendite abusive