Viterbo. Giovane di viterbo finisce in coma per eroina, arrestato imageslo spacciatore. Si tratta di  un cittadino tunisino residente a Perugia che, secondo le indagini dei carabinieri di Monte Castello di Vibio è ritenuto responsabile di aver ceduto, nel luglio del 2013, una dose di eroina a un giovane della provincia di Viterbo, che finì in coma. Le indagini dei carabinieri di Monte Castello di Vibio, avviate sin dal momento del loro intervento avvenuto nella frazione di Pantalla di Todi, contestualmente ai sanitari del 118, che aveva scongiurato il possibile pericolo di morte del giovane, hanno permesso di appurare che la sostanza stupefacente gli era stata fornita da un non meglio indicato spacciatore magrebino, a Perugia, dove si era recato appositamente, in compagnia di un suo amico, dal comune di Soriano nel Cimino. Poi, sulla strada del ritorno, i due avevano deciso di consumarla, effettuando una sosta a Pantalla. Da allora, sia attraverso le informazioni acquisite nell’ambiente dei tossicodipendenti, che mediante la visualizzazione dei tabulati telefonici, è stato individuato il 32enne tunisino. A questo punto anche il ragazzo colpito dall’overdose, che inizialmente aveva detto di non aver visto bene in volto lo straniero che gli aveva ceduto la droga, non poteva che attribuire la responsabilità all’individuo riconosciuto attraverso la ricognizione fotografica. L’uomo è stato quindi arrestato su disposizione del gip di Perugia.