Roma. Giovanni Scattone, condannato con Salvatore Ferraro per l’omicidio della studentessa Marta Russo, salirà in cattedra per insegnare ell’istituto professionale Luigi Einaudi di Roma. scuolaScattone, ex assistente di filosofia del diritto, uccise Marta con un colpo di pistola partito dalla facoltà di giurisprudenza della ‘Sapienza’ il 9 maggio del 1997. La mamma di Marta Russo insiste: “Un insegnante deve anche avere delle doti morali. Se veramente si è ravveduto, dimostri che la riabilitazione è avvenuta. Venga a chiederci scusa”. Divisi i docenti dell’Istituto. Scattone, che si è sempre dichiarato innocente, ha superato il concorso del 2012, e può tornare in cattedra dal momento che la Suprema Corte ha stabilito, a suo tempo, che non venisse applicata la pena accessoria di interdizione all’insegnamento. Nel 2011 aveva suscitato clamore la notizia di una sua supplenza al liceo scientifico Cavour, stesso istituto frequentato da Marta Russo, tanto che alla fine aveva rinunciato.