Roma. Fino alla mezzanotte di oggi si attendono su Roma fenomeni temporaleschi intensi, motivo per cui la Protezione Civile ha emesso un bollettino di interdizione dell’utilizzo delle banchine del Tevere nel tratto urbano.  Il maltempo potrebbe infatti determinare l’innalzamento dei livelli idrometrici del fiume nel tratto cittadino 203501811-16a7ac05-aa85-4ae6-bb6f-0258271cb725ed eventuali allagamenti delle banchine di magra, occupate in questo periodo dalle manifestazioni estive. Il Centro Funzionale Regionale ha comunicato che i rischi maggiori sono possibili nell’arco temporale compreso tra le 24 e le 36 ore a partire dalle ore 13 di ieri. Nella nota si riferisce la possibilità dell’incremento del livello del Tevere fino ad un superamento massimo di 7 metri della quota dell’idrometro di Ripetta, che rende appunto necessaria la messa in sicurezza delle banchine.  A tal riguardo la Protezione Civile di Roma Capitale ha rivolto l’invito al comando della Polizia Locale di monitorare la presenza di senza fissa dimora sulle banchine del fiume, allontanandoli dove presenti, e la verifica della chiusura di ogni singolo accesso al Tevere. La pioggia che già ieri si è abbattuta incessantemente sulla capitale non ha limitato i danni. Numerose le chiamate arrivate alla sala operativa dei vigili del fuoco, a causa di rami e alberi caduti, soprattutto verso il litorale. Un pino è caduto in via Catrani, all’Infernetto, mentre un altro è finito su una macchina parcheggiata alla stazione Lido nord di Ostia. Rami caduti sono stati segnalati anche in zona Borghesiana.