Latina. Domani la Cgil di Latina darà luogo nella nostra provincia alla carovana della legalità. L’iniziativa della Cgil nazionale, infatti, farà tappa a d632334130a2b9d194362b7d857b88bf_XLLatina in tale data e vedrà il gruppo dirigente della Cgil pontina e nazionale compiere un tour itinerante per le strade della nostra provincia con partenza dal capoluogo ed arrivo nel sud pontino. “E’ un’altra occasione – dichiara Anselmo Briganti Segretario Generale della Cgil di Latina – per affermare con forza ancora una volta il valore della legalità. Un’iniziativa simbolica ma piena di significato che vedrà coinvolta la nostra provincia domani in una carovana che sta attraversando tutto il territorio nazionale. Abbiamo coinvolto i cittadini, le istituzioni, il mondo dell’associazionismo (Libera, la Caritas, In Migrazione, la Rete degli Studenti, la comunità indiana ecc..) per ribadire che la legalità non è solo una parola ma un percorso virtuoso che porta ai diritti, all’uguaglianza e alla dignità dei lavoratori e dei cittadini. Recuperare la legalità vuol dire recuperare i fondi erosi dalla corruzione, dall’evasione fiscale, dagli affari illeciti delle mafie. Alcuni studi che si basano sulla quantità di moneta in circolazione suggeriscono che l’economia illegale nel nostro Paese pesa per oltre il 10% del Pil, vale a dire una cifra superiore ai 150 miliardi di euro. Al di là della mole di denaro, che sfugge alle maglie del fisco e dei processi economici normali, la presenza di una struttura economica criminale ha anche un forte potere deterrente verso gli investimenti esteri.” Il tempo degli slogan e delle false promesse è finito, – prosegue Anselmo Briganti – il Paese vuole risposte e le vuole subito. La legalità è la condizione necessaria perché il Paese riparta una volta per tutte, senza giri di parole senza giochi di potere. Bisogna agire subito. A tutto ciò va aggiunto anche la raccolta di firme in calce alla proposta di legge di iniziativa popolare, promossa dalla Cgil, per garantire i trattamenti dei lavoratori impiegati negli appalti pubblici e privati, per il contrasto alla concorrenza sleale tra imprese, all’illegalità e alle infiltrazioni malavitose, per la tutela dei lavoratori nei cambi di appalto. In Italia- continua il Segretario Generale della Cgil di Latina- cattiva gestione, illegalità e corruzione fanno lievitare la spesa degli appalti pubblici per beni e servizi del 20%”. Da qui il ddl di iniziativa popolare, per il quale la Cgil di Latina conta di raccogliere a Latina 2 mila firme e 300 mila su scala nazionale, entro il 30 aprile”. “L’iniziativa- gli fa eco Dario D’Arcangelis Segretario della Cgil di Latina- fa parte della nostra strategia di lotta al precariato e contro il lavoro nero ma anche della battaglia contro le mafie, per la legalità”. “La carovana- conclude Anselmo Briganti- partirà dalla città Capoluogo alle ore 15,00 dalla sede della Cdl di Latina, via Cerveteri 2/A, per recarsi presso il tempio Indiano di Sabaudia, luogo simbolo che ci vede da anni impegnati contro lo sfruttamento e il caporalato dei braccianti agricoli”, dove verremo accolti dai responsabili della comunità indiana. Proseguirà poi il suo viaggio verso l’azienda Nuova Italcraft di Gaeta, dove davanti i cancelli è attivo un presidio dei Lavoratori, presidii che purtroppo riempiono il nostro territorio. La carovana toccherà infine i comuni di Gaeta e Formia dove una delegazione sarà ricevuta dal Sindaco.Nei prossimi giorni inoltre una delegazione verrà ricevuta da sua Eccellenza il Prefetto al quale verrà consegnato un documento”.