Un giovane è stato sorpreso a lanciare droga all’interno della casa circondariale di Rebibbia ed è stato arrestato grazie a un’operazione congiunta di Polizia Penitenziaria e Carabinieri. A farlo sapere è la Fns Cisl di Roma Capitale e Rieti, che downloadosserva come nella terza Casa Circondariale Rebibbia “il muro di cinta risulti, rispetto agli atri istituti, normale rispetto a diversi più alti”. A quanto riferisce il segretario territoriale Luigi Alfieri, ieri pomeriggio “un ragazzo dall’esterno del Carcere della terza Casa Circondariale Rebibbia Roma ha lanciato all’interno del carcere un involucro, contenente stanze stupefacenti, Subotex e Hashish, che è stato recuperato da un detenuto lavorante”, poi “segnalato all’Autorità giudiziaria”. Il giovane è stato poi arrestato dai Carabinieri, che lo aspettavano fuori e lo hanno sorpreso con altre 2 pasticche di Subotex .”Il fatto comunque non deve esser sottovalutato ma solo grazie alla professionalità del personale i livelli all’interno degli Istituti penitenziaria sono sempre alti tali di assicurare la massima sicurezza – sottolinea Alfieri – La Fns Cisl di Roma Capitale e Rieti plaude a tale intervento poiché solo con sinergie tra i vari Corpi dello Stato simili episodi possono essere evitati utili ad evitare che si perpetrano reati”.