Roma. La Procura di Roma ha depositato al gip la richiesta di giudizio immediato per le persone raggiunte il 4 giugno scorso da provvedimento di custodia cautelare nell’ambito della seconda tranche di arresti dell’inchiesta su Mafia Capitale. Tra loro anche i presunti capi del sodalizio criminale, l’ex terrorista Massimo Carminati e il ras delle cooperative a Roma, Salvatore Buzzi. A giugno furono arrestate 44 persone per associazione per delinquere ed altri reati. La seconda tornata di arresti, dopo quelli clamorosi del dicembre 2014, ha riguardato in totale 44 persone tra loro anche esponenti della politica locale tra cui l’ex capogruppo di Fi al consiglio regionale, Luca Gramazio e l’ex presidente del Consiglio comunale di Roma, Mirko Coratti del Pd. Nei buzzi carminaticonfronti di Carminati e Buzzi si tratta della seconda richiesta di giudizio immediato dopo quello già ottenuto nei mesi scorsi. Il gip ha fissato il processo per 34 persone per il prossimo 5 novembre davanti ai giudici della X sezione penale.