Cassino. Nel dolce c’era una sostanza stupefacente acquistata on line. Malori sfiorati a una ‘cena psichedelica’ tra amici a Cassino, nel Frusinate. E’ successo sabato in un’abitazione nella zona centrale della città di San Benedetto, dove una tranquilla serata si è conclusa come nessuno avrebbe mai immaginato: in nove, tutti giovani, sono finiti in ospedale. Avevano da poco mangiato un dolce, tipo “muffin”, che tra gli ingredienti, si è poi scoperto, aveva unacassino-dolce-alla-marijuana-muffin-alla-marijuana-9-persone-in-ospedale-9-persone-al-pronto-soccorso sostanza tipo marijuana. L’avevano acquistata su un sito Internet, non europeo, come hanno accertato i carabinieri della compagnia di Cassino, coordinati dal capitano Silvio De Luca, che sulla vicenda hanno ora aperto un’indagine. Appena consumato il dolce, che era stato preparato in casa per l’occasione, ci sono stati i primi malori: uno dopo l’altro, hanno accusato problemi fisici. Tutti e nove i partecipanti, tra laureati e liberi professionisti, nel giro di poco sono stati costretti a farsi visitare in ospedale. Al pronto soccorso del nosocomio di Cassino gli accertamenti medici hanno dato un riscontro sorprendente: positivi al test per i “cannabinoidi”. Avevano mangiato lo stesso dolce, con l’identica conseguenza. Gli effetti peggiori li hanno subiti due ragazze di 25 anni, ricoverate nel presidio sanitario. Gli altri sette intossicati, invece, sono tornati a casa con una prognosi di quattro giorni. Una serata tra amici che non sarà facile dimenticare. Anche perché per tutti, alla fine, è scattata una segnalazione alla Prefettura come assuntori di sostanze stupefacenti. Intanto i carabinieri di Cassino vogliono vederci chiaro e hanno avviato un’indagine per verificare eventuali responsabilità penali ed individuare il “pasticcere”. Gli uomini del capitano De Luca stanno cercando anche di risalire ai gestori del sito Internet dove è stata acquistata la sostanza “incriminata”, che ha fatto chiudere in ospedale la serata di festa.