Ostia. Triste episodio di violenza ad Ostia, lei lo rifiuta e lui la massacra di botte per poi abbandonarla in un fosso. Protagonisti della vicenPolizia-notte-630da sono una donna 45enne di nome Angela e il maresciallo dell’Aeronautica Militare Andrea Marchese, 43 anni, che ha colpito la donna senza pietà e gettata in un canneto nella speranza che morisse dopo quel no ad una relazione sentimentale. L’aggressione è avvenuta presso la zona Fiumara Grande dove la donna è stata attirata con la scusa di dover fare una chiacchierata. Chiacchierata divenuta un massacro di botte da parte dell’amante respinto che ha ridotto la donna in fin di vita. Gli agenti del commissariato Lido sono arrivati al maresciallo, sposato e padre di un figlio, mentre cercava di costruirsi un alibi e lo hanno arrestato per tentato omicidio. L’uomo afferma di essere innocente ma ci sono prove schiaccianti contro di lui, almeno stando alla ricostruzione effettuata dagli investigatori. La donna, invece, è in coma al “Grassi” lottando tra la vita e la morte in un letto d’ospedale.