Roma. E’ scattata alle prime luci dell’alba, l’operazione “Mediterraneo” del Ros e dei carabinieri di Roma e Reggio Calabria contro la cosca Molè della ‘ndrangheta, a seguito di indagini durate circa due anni. Sono 54 le ordinanze di custodia cautelare in corso di esecuzione dalle prime ore della mattina in diverse regioni. Sequestrati beni e quote societarie per un valore complessivo di circa 25 milioni di euro. Gli arrestati sono accusati di associazione mafiosa, traffico di armi e stupefacenti ed intestazione fittizia di beni.  Al centro delle indagini del Ros, coordinate dalla procura distrettuale antimafia reggina, le attività illecite di quella che viene considerata una delle più potenti cosche della ‘ndrangheta, con diramazionimages (3)i in tutta Italia e all’estero.  Secondo gli inquirenti ci sono “consistenti interessi” della cosca ramificate in iniziative imprenditoriali e commerciali in Calabria, Lazio ed Umbria, oltre alla gestione di ampi settori della distribuzione delle slot machine su tutto il territorio nazionale. Accertati anche, sottolineano gli investigatori, “rilevanti traffici di armi dai paesi dell’est europeo e l’importazione di ingenti carichi di stupefacenti dal nord Africa”.