Roma. Tentata rapina aggravata, porto abusivo di arma da taglio e minacce, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Sono i reati contestati dalla polizia a un rom 40enne, residente nel campo nomadi di via Salviati, arrestato per aver aggredito una mamma e il figlio di appena 4 anni in via di valle Melaina. L’uomo, armato di un coltello di grosse dimensioni, ha bloccato violentemente la donna minacciando di fare del male al piccolo se non gli avesse dato subito dei soldi. polizia operazione volanteSolo l’immediato arrivo di tre pattuglie della polizia ha evitato il peggio.
L’aggressore alla vista degli agenti si è dato alla fuga, a piedi, ma è stato inseguito e rintracciato 500 metri più avanti, all’interno della frutteria nella quale aveva trovato rifugio. Scagliatosi contro gli agenti, è stato bloccato e disarmato solo dopo una violenta colluttazione. Nelle ultime ore, sempre per rapina, sono state arrestate altre quattro persone. A Casalotti un romeno di 31 anni si è presentato alle casse di un supermercato con diversi prodotti nascosti negli abiti e minacciato i dipendenti che volevano fargli pagare il conto. Datosi alla fuga, è stato catturato poco più tardi. Un altro ladro è stato intercettato da un vigilante con i prodotti appena «prelevati» dagli scaffali all’uscita di un supermercato di via del Pozzetto: la successiva colluttazione è stata interrotta dall’arrivo dei poliziotti. A Fiumicino, infine, sono finti in manette due giovanissimi romani – rispettivamente 18 e 16 anni – autori dello «strappo» della catenina d’oro ai danni di una signora appena uscita da un esercizio di via della Scafa.