Latina.  L’equipe medico-chirurgica di Endocrinologia e Radiologica Interventistica dell’Ospedale S.M.Goretti di Latina ha ottenuto un prestigioso riconoscimento dagli Stati Uniti: pubblicato in questi giorni un’importante lavoro scientifico su una delle più autorevoli  riviste di endocrinologia al mondo, il The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, avente per titolo “prospective study of effectiveness  of  ultrasound-guided radifoto. L'equipe medica Ospedale S.M.Goretti di Latinaofrequency ablation versus control group in patients affected by benign solid thyroid nodules”. Il lavoro è stato portato a termine da uno staff di medici ospedalieri dell’Ospedale “S.M.Goretti” di Latina, avente per primo nome quello dell’endocrinologo dottor Roberto Cesareo ed ultimo nome il direttore della radiologia interventistica dell’Ospedale “S. M. Goretti”, il primario Roberto Cianni. Hanno contribuito al lavoro il dottor Valerio Pasqualini, radiologo interventista, il chirurgo Erminio Saralli, il prof. Marco Sacchi direttore della UOC di Chirurgia, il dottor Giuseppe Campagna direttore della UOC di Medicina Interna e la dott.ssa Carla Simeoni, biostatistica dell’INAIL di Monteporzio Catone (Roma). L’Azienda ASL di Latina nella figura del direttore Generale, dottor Michele Caporossi, ha supportato la suddetta equipe medica per il trattamento delle patologie della tiroide, a favore dei pazienti della provincia di Latina che può così contare su uno staff medico di eccellenza. Lo studio, durato circa 2 anni e mezzo, ha evidenziato l’efficacia del trattamento termoablativo dei noduli tiroidei con la tecnica della radiofrequenza. Con un singolo trattamento in regime di day-surgery (non c’è degenza ospedaliera, ma il paziente nella stessa giornata viene ricoverato e dimesso) e della durata variabile da circa 20 a 60 minuti con una anestesia locale, il nodulo tiroideo subisce una riduzione volumetrica di circa il 70% scongiurando l’eventualità dell’intervento classico di tiroidectomia che espone il paziente a maggiori complicanze, oltre che all’utilizzo dell’anestesia generale e a giorni di convalescenza. Da rimarcare un altro fattore significativo: i costi sono assai ridotti trattandosi di una metodica che viene effettuata in day ospital.. “Dati su tale tecnica sono già stati pubblicati in passato – spiega il medico endocrinologo Roberto Cesareo – ma questo lavoro si distingue dai precedenti in quanto il trattamento è stato eseguito su formazioni nodulari più voluminose e perché ha evidenziato dati di efficacia sulla riduzione volumetrica in base alla grandezza iniziale del nodulo trattato. La metodica va ovviamente limitata a casi selezionati, in particolare noduli benigni e con riferiti disturbi di tipo compressivi o estetici e non si sostituisce di certo all’intervento classico di tiroidectomia ma di sicuro può costituire un prezioso strumento aggiuntivo per l’endocrinologo con il supporto del radiologo interventista”. “C’è da sottolineare – aggiungono il primario Roberto Cianni ed il suo prezioso collaboratore Valerio Pasqualini –  che, oltre alla riduzione volumetrica del nodulo fino al 70%, il paziente riferisce rapidamente un miglioramento dei segni e dei sintomi compressivi inizialmente riferiti alla prima visita”.