Roma. E’ stata raggiunta da oltre 40 coltellate Oksana Martseniuk, la 38enne ucraina uccisa e decapitata domenica mattina in una villetta dell’Eur a Roma. E’ quanto emerge dall’autopsia. Per i medici il quadro lesivo sarebbe “impressionante”: la donna è stata colpita con fendenti anche al volto in un raptus omicida durato pochi secondi.Donna decapitata: oggi l'autopsia su vittima killer La donna era già morta quando Federico Leonelli l’ha decapitata. Sono stati effettuati i prelievi per gli esami tossicologici e per verificare se Oksana è stata violentata. Il killer Federico Leonelli voleva fare a pezzi il corpo della sua vittima e disfarsene. La conferma arriva dall’esame autopico di Oksana Martseniuk, effettuata al policlinico Tor Vergata. Secondo quanto si è appreso, il killer aveva già pronti dei bustoni dell’immondizia per nascondere il cadavere.