Viterbo. E’ online la Biblioteca Alessandro Liberati (Bal) consultabile al seguente link http://bal.lazio.it/
La Biblioteca Alessandro Liberati è una biblioteca medica online che nasce come strumento di supporto all’attività quotidiana degli operatori sanitari nell’attività assistenziale, nel lavoro amministrativo, nello studio, nell’educazione continua e nella ricerca.  L’iniziativa è promossa dalla Direzione Regionale della Sanità della Regione Lazio, in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario della Regione Lazio e con il sostegno delle Aziende Sanitarie della Regione stessa. Tra queste la Ausl di Viterbo. La Biblioteca ha il compito di guidare gli utenti a un uso consapevole e critico delle fonti. Nella Bal Lazio è possibile trovare un glossario con circa 300 voci, link alle più prestigiose risorse internazionali, schede delle principali riviste biomediche, notizie con segnalazioni di articoli ospedale_belcolle_vtdi particolare interesse interdisciplinare, check list per la valutazione critica della letteratura scientifica, un motore di ricerca per le linee guida.  “Invito alla lettura” è la newsletter inviata periodicamente agli utenti, per essere sempre aggiornati sui temi più attuali e su questioni controverse in sanità. La BAL porta il nome di Alessandro Liberati, scomparso nel 2012, dopo una battaglia di anni contro il mieloma multiplo. Pioniere della Medicina basata su prove di efficacia in Italia, Liberati ha fondato e poi diretto il Centro Cochrane Italiano dal 1994 al 2010. Nei primi anni ’90 è stato il primo responsabile del laboratorio di Epidemiologia Clinica dell’Istituto Mario Negri, raccogliendo intorno a sé molti (allora) giovani ricercatori che si sono formati sul campo della ricerca. Lungo l’elenco di pubblicazioni scientifiche e prestigiosi incarichi: dare alla Bal il suo nome vuole essere una espressione di gratitudine per il suo impegno professionale, ma soprattutto per l’entusiasmo che ha trasmesso a quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo e lavorare con lui. 
È possibile accedere alla Biblioteca Alessandro Liberati anche tramite il banner pubblicato sulla home page del sito aziendale www.asl.vt.it.