Latina. Sgominata dalla Polizia di Stato un’organizzazione specializzata nel riciclaggio di auto. Quattro persone sono state accusate di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di auto. L’attività si svolgeva all’interno di un capannone, ubicato lungo la strada regionale Pontina presso il quale era stapolizia-generica_0to segnalata la presenza di uno scooter rubato qualche giorno prima. Dai primi accertamenti si è riusciti  a risalire al proprietario del magazzino  che non ha saputo dare giustificazione sul possesso del materiale rinvenuto. Gli immediati riscontri investigativi hanno evidenziato il  coinvolgimento di altri tre  soggetti facenti parte anche essi  dell’organizzazione. A questo punto sono scattate altre perquisizioni: nelle proprietà degli altri tre individui,  gli uomini della Squadra Volante hanno scoperto  dei veri e propri magazzini di ricambi di auto.  Riposti , sugli scaffali  e  a terra numerosi pezzi di motore e di carrozzeria di auto, alcuni già confezionati in scatole ed imballati, centraline di grosso valore tutto materiale molto costoso e  pronto per essere commercializzato. Inoltre è stato trovato anche una  nuovissima  Bmw  pronta anch’essa per essere venduta. Tali ritrovamenti hanno indirizzato le indagini anche verso Nettuno dove sono attualmente in corso perquisizioni presso capannoni e garage. Il deferimento per riciclaggio  e  associazione a delinquere è a carico di  due insospettabili residenti a Latina, R.O. di 31 anni e C.E. di 32, di  P.M. 58enne di Nettuno e di T.E. 52enne di Aprilia. L’auto, lo scooter  e tutto il materiale rinvenuto sono stati sequestrati.  Infine tra le altre cose rinvenute e sequestrate anche un sofisticato kit per ribattere le matricole.