Roma. L’anziana fermata dalla polizia per l’esplesplosione colle aniene roma unmerto e 13 feriti (1)osione dell’appartamento di via Galati 42 ha negato ogni coinvolgimento con quanto accaduto. Giovannina Serra, 82enne originaria della Sardegna, sfrattata dall’abitazione dalla quale è partita l’esplosione, è stata arrestata con l’accusa di strage e in tempi brevi la Procura di Roma chiederà al gip di convalidare l’arresto. Gli investigatori intanto continuano le indagini sulla donna, che attualmente si trova nel carcere di Rebibbia, esaminando gli effetti provocati dall’esplosione, in cui è morta una persona. Trovata con una profonda ferita da taglio al piede e con alcune ciocche di capelli bruciate, la donna risulterebbe proprietaria di diversi appartamenti in città e al mare, oltre che di un’abitazione in Sardegna. Nella casa, dove si era trasferita dopo lo sfratto, è stata rinvenuta della stoffa compatibile con un pezzo di tessuto trovato sul luogo dell’esplosione. Ma anche alcuni biglietti simili a quello che è stato trovato su un’auto in via Galati con la scritta ‘non vi godrete questa casa perché siete ladri, ladri’. Non è escluso che venga disposta la consulenza tecnica per accertare se sia stata proprio la donna, al momento sotto accusa, a scriverli ripetendo le minacce a chi ormai abita l’appartamento che per vent’anni fu suo, prima che fosse sfrattata. Si cerca tra l’altro di stabilire quale tipo di innesco ha provocato l’esplosione. Nella giornata di ieri è stata eseguita l’autopsia dell’uomo che ha perso la vita nell’esplosione. Si tratta di un operaio di 50 anni, padre di due figli, tra cui una ragazza di 17enne.