Roma. “La circolare firmata dai ministri Lanzetta, Padoan e Madia sul trattamento retributivo accessorio del personale delle regioni e degli enti locali e l’impegno del Sindaco Marino per ottenere il via libera dal Governo, pongono finalmente ordine ad una situazione che aveva assunto risvolti del tutto insensati. L’incertezza sulla retribuzione e sull’erogazione del salario accessorio, l’eventualità di una decurtazione degli stipendi di circa 200 o 300 euro su retribuzioni che non superano i 1500 euro avevano gettato nell’angoscia e alimentato preoccupazione in migliaia di dipendenti comunali e nelle loro famiglie”. Mirko CorattiCosì il Presidente dell’Assemblea Capitolina Mirko Coratti, spiegando che “ora ci sono tutte le condizioni per affrontare con maggiore serenità e decisione i problemi derivanti da una normativa farraginosa e per rilanciare e attualizzare la contrattazione decentrata del personale capitolino e di quello degli altri enti locali. L’impegno del governo di costituire presso la Conferenza Unificata un comitato temporaneo con il compito di facilitare l’applicazione della legislazione di riferimento va in questa direzione. La possibilità’ di applicare gli accordi più idonei alle singole specificità territoriali oltre ad assicurare i servizi erogati dai comuni può favorire una maggiore efficacia ed efficienza da parte degli uffici. Nel momento in cui ci apprestiamo a rilanciare, con l’adozione del Bilancio 2014, i servizi e la funzionalità della macchina capitolina abbiamo necessita’ di tutto l’impegno dei nostri dipendenti con l’intenzione di valorizzarne professionalità e competenze. Ora – conclude – ci sono tutte le condizioni per avviare un confronto tra Amministrazione e Organizzazioni Sindacali al fine di adottare un modello di organizzazione improntato al riconoscimento del merito e della dedizione nello svolgimento dei singoli incarichi”.