Roma. E’ stato ucciso per uno sputo in faccia. Questo l’assurdo movente dietro la morte di Khan Muhammad Shancarabinieri_notte.250x150tad, il 28enne pakistano ucciso a botte da un 17enne romano poco prima della mezzanotte della notte tra giovedì e venerdì, in zona Tor Pignattara. Il pakistano, ubriaco, molestava i passanti in strada e avrebbe sputato al 17enne romano che per tutta risposta lo ha picchiato fino a farlo morire. Ma il giovane, tratto in arrestato con l’accusa di omicidio, davanti ai carabinieri si difende: “gli ho dato solo un pugno”.