Pomezia. poliziaUn vero e proprio deposito di refurtiva all’interno di un appartamento di Santa Palomba, nel comune di Pomezia, e’ stato scoperto dagli agenti del commissariato di Marino. La refurtiva consiste in una serie di utensili elettrici impiegati nell edilizia, che negli ultimi mesi sono stati rubati in alcune ditte della zona; proprio a seguito di questi numerosi furti hanno preso avvio le indagini che hanno, infine, portato al fermo di una persona e alla denuncia di altre tre. I poliziotti diretti da Valter di Forti si sono presentati alla porta dell’appartamento sicuri che ci fosse qualcuno all’interno, ma, nonostante i numerosi tentativi di farsi aprire, non hanno ricevuto risposta, tanto da richiedere l’intervento dei vigili del fuoco per accedervi, e solo quando la porta stava per essere forzata gli occupanti hanno deciso di aprire. All’interno gli agenti hanno scoperto che una stanza era interamente utilizzata come deposito della merce rubata, il cui valore commerciale e’ stato stimato ammontare intorno ai 100mila euro. Accanto alla merce sono stati inoltre trovati alcuni fogli con la descrizione dettagliata degli utensili rubati e accanto il relativo rezzo per gli eventuali acquirenti, e numerosi arnesi da scasso, tra i quali un cilindro solitamente usato per neutralizzare le serrature di sicurezza delle porte blindate. La persona sottoposta a fermo di indiziato di delitto e’ M.C., cittadino romeno di 32 anni, con alcuni precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, che al momento dell ingresso in casa della polizia era forse in procinto di allontanarsi: e’ stato infatti trovato vestito di tutto punto e con una sacca con del vestiario e con i propri effetti personali.