Leonessa. Gli agenti del Comando Forestale di Leonessa hanno sorpreso due cacciatori intenti ad utilizzare richiami acustici a funzionamento elettromagnetico, strumenti questi di cui è espressamente vistato l’utilizzo. forestaleL’uso degli stessi infatti è deleterio per l’avifauna, in particolare per quella di “passo” che attratta dai richiami tende a stazionare nei pressi di questi con  conseguente disorientamento (essendo già provata dalla migrazione) facilitando così l’abbattimento da parte del cacciatore. I cacciatori, provenienti dalla provincia di Teramo, pur essendo in regola per quanto attiene ai documenti necessari per l’esercizio della caccia, proprio in applicazione delle norme che la regolamentano, si sono visti sequestrare sia i fucili (un sovrapposto ed un automatico), con il relativo munizionamento,  che i richiami  acustici a funzionamento elettromagnetico. Ora i due sprovveduti rischiano la sospensione della licenza di caccia da uno a tre anni, un’ammenda fino a 1.500 euro con possibilità di confisca di tutti i mezzi illegali utilizzati.