Roma. «Il 3 luglio del 2008 il governo italiano aveva segnalato ad Alemanno che i salari così come venivano erogati non
erano erogati secondo la legge italiana. Il precedente sindaco nel silenzio dei sindacati ha messo questo documento in un cassetto«. Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, intervenendo a Radio24. «Io penso che bisogna rispettare le leggi e proteggere i salari dei dipendenti – ha spiegato -, così ho inserito la legge sul salario accessorio e continuato a pagarlo, ma mi Marino sindaco di Roma.sono dato un termine di 90 giorni per portare a termine questa legge. Per i sindacati 90 giorni sembrano un tempo troppo breve. Io dico che sono il tempo giusto per mettere fine alle ansie dei dipendenti«. «Coraggioso con i deboli e debole con i forti? Io rispondo che ho inserito nel bilancio 2014 i fondi per il salario accessorio e ieri ho portato al voto in Acea un atto che riduce del 70% il salario dei top manager. Mi sembrano che siano fatti«, ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, intervenendo a Radio24.