Viterbo. Tredici arresti tra gli appartenenti a un sodalizio dedito allo spaccio di stupefacenti nei quartieri romani di Tiburtino III e Casalbertone. Perquisizioni nelle abitazioni di altrettanti 63 indagati sono tuttora in corso. L’operazione prosegue dalle prime ore della mattinata ed è condotta dai carabinieri della compagnia Roma Montesacro, aiutati da personale dei gruppi carabinieri di Roma, Ostia, Frascati, del Comando Provinciale di Viterbo, nonché da personale della compagnia d’intervento operativo dell’8° reggimento Lazio, da unità del nucleo cinofili di Santa Maria di Galeria e dell’Elinucleo di gazzella dei carabinieriPratica di Mare. L’ordinanza di applicazione di misura cautelare è stata disposta dal Gip Paola Della Monica su richiesta del sostituto procuratore Tiziana Cugini. L’articolata attività investigativa, svolta nei confronti di complessivi 82 indagati dal dicembre 2011 all’agosto 2012, aveva già consentito l’arresto di 37 persone (di cui 31 in flagranza di reato), il deferimento in stato di libertà di altre 20 e la segnalazione di 22 acquirenti alla competente autorità prefettizia quali assuntori di stupefacenti. Nella stessa operazione era stato l’arrestato un latitante. L’attività, nella sua fase investigativa, aveva peraltro consentito il sequestro di circa 15 chili di Hashish, 1 chilo di Cocaina, 620 grammi di Marijuana, diverse piante di cannabis indica, 1 pistola, 1 carabina, 4 bombe carta, nonché la somma complessiva di circa 47.690 euro in contanti, sequestrata ai pusher poiché ritenuta provento dei loro traffici illeciti. Lo stupefacente era venduto nella periferia romana.