Roma. Il ministero della Salute ha inviato gli ispettori all’ospedale Pertini di Roma per il presunto scambio di embrioni reso noto da La Stampa. Una donna é incinta al 4/o mese di due gemelli di un’altra coppia dopo una fecondazione assistita. Con le norme esistenti é possibile la tracciabilità del materiale biologico, assicura il ministero. La Asl Roma B fa sapere che serve l’esito del test definitivo per la certezza che vi sia stato uno scambio. “Se confermato é un caso isolato”, rassicura la Asl.