Frosinone. Avevano messo su un centro massaggi con finalità che andavano oltre i semplici trattamenti di rilassamento. I carabinieri del nucleo investigativo del Reparto Operativo nell’ambito di un’operazione anti-prostituzione, avviata nel mese di dicembre 2013, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria quattro cittadini cinesi, due uomini e due donne, responsabili di sfruttamento, favoreggiamento ed agevolazione della prostituzione. massaggi cinesi a luci rosseLe indagini hanno permesso di appurare che i quattro gestori di due centri massaggi orientali, uno situato a Rieti in via della Verdura e l’altro a Frosinone in via G. Puccini, con le loro condotte avrebbero sfruttato, favorito ed agevolato la prostituzione di una dozzina di ragazze cinesi che vi lavoravano in qualità di massaggiatrici. Le tariffe partivano da 80 euro per “servizi” aggiuntivi rispetto al classico massaggio rilassante.