Bracciano. Una violenta rissa tra adolescenti per una ragazza contesa. E’ accaduto a Bracciano, vicino a Roma. Due studenti del posto, un 17enne e un 19enne, hanno iniziato a discutere davanti alla stazione della cittadina un terzo giovane sarebbe intervenuto per fare da paciere, ma è stato ferito in modo grave. Il 17enne avrebbe impugnato un manubrio da palestra colpendo ripetutamente alla testa l’avversario. Il 19enne a sua volta avrebbe estratto un coltello e ferito al petto l’ amico del rivale che era intervenuto per ambulanza-poliziadividerli. Sul posto sono intervenuti due poliziotti fuori servizio e i carabinieri della compagnia di Bracciano. Il ferito più grave, il giovane di 20 anni che voleva sedare la lite, è stato trasportato al Policlinico Gemelli di Roma dove è ricoverato in prognosi riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita. È stato colpito due volte al petto con il coltello. Gli altri due giovani sono stati arrestati dai carabinieri con le accuse di tentato omicidio, possesso di oggetti atti ad offendere e lesioni personali. Il 19enne è ricoverato in ospedale e giudicato guaribile in trenta giorni, mentre il minore si trova agli arresti domiciliari. A quanto ricostruito dagli investigatori si erano già picchiati alcuni giorni fa