Latina. Iniziativa importante, quella promossa dall’Ospedale Veterinario di Latina in collaborazione con la LatinaVete: si è conclusa la campagna di informazione e sensibilizzazione per evitare l’abbandono estivo degli animali domestici. La campagna ha visto il coinvolgimento di molti proprietari degli amici a 4 zampe che hanno aderito inviando le foto dei propri animali domestici. L’amministratrice dell’Ospedale Veterinario, Margherita Prosseda, si dichiara soddisfatta dell’iniziativa, grazie alla fattiva partecipazione delle persone che hanno sposato l’iniziativa dello staff medico: “La nostra struttura è aperta 24 ore su 24 – sottolinea la direttrice Prosseda – sia per il pronto soccorso veterinario, sia per una visita di controllo che per una semplice consulenza medica anche attraverso consigli preziosi del nostro staff medico di altissima qualità”. L’adesione alla promozione dell’Ospedale Veterinario, con gli scatti fotografici ai propri amici a 4 zampe, prevedeva una premiazione a tutti i partecipanti: è stato il direttore sanitario, la dottoressa Daniela Di Scala, a premiare piccoli e grandi che si sono presentati in compagnia dei propri amici animali. La Dott.ssa Daniela Di Scala nel 2003 si laurea con lode presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, con una tesi in Fisiologia intitolata “Aspetti Neurofisiologici della Coscienza in alcune Specie Animali”. Si trasferisce stabilmente a Latina nel 2003, e nello stesso anno inizia la sua collaborazione con l’Ospedale Veterinario Amici degli Animali, fino ad assumerne, nel 2010, l’incarico di Direttore Sanitario. Segue diversi corsi e seminari di Chirurgia, con particolare interesse per la Chirurgia plastica ricostruttiva. Nel 2007 consegue il Perfezionamento in Ortopedia dei Piccoli Animali, presso l’Università degli Studi di Napoli. “Spero che questa iniziativa – spiega la dottoressa Di Scala – sia servita per sensibilizzare tutte le persone ad avere maggiore cura, amore e rispetto verso gli animali. Sono molto contenta per la partecipazione all’evento di molti giovani”.