Roma. Uno psicologo infantile di 31 anni è stato denunciato dalla polizia per atti osceni compiuti davanti a diverse scuole medie del centro e della periferia di Roma. Ora l’uomo dovrà presentarsi in commissariato negli orari di entrata e di uscita degli alunni. Il 31enne è stato individuato dopo una lunga indagine partita dalle segnalazioni di genitori e bambini, lo psicologo si fermava in auto davanti agli istituti, apriva lo sportelloScuola-fratelli-bandiera_full e si masturbava. In un’occasione, inoltre, il comportamento di G.P. aveva destato particolare preoccupazione, poichè l’uomo aveva inseguito con l’auto, senza interrompere i suoi atti osceni, due tredicenni che, alla vista di quei gesti, erano scappate terrorizzate. L’attività d’indagine per individuare e fermare il trentunenne è stata lunga e complessa, dal momento che l’indagato ha cambiato, senza un apparente criterio logico, i luoghi per compiere i propri gesti osceni, spostandosi anche nella zona di Ostia, ma sempre nei pressi di luoghi frequentati da bambini. Le indagini hanno permesso di accertare non soltanto la presenza dell’uomo nei pressi di tre diverse scuole medie, ma anche nella zona limitrofa a un impianto sportivo annesso a una parrocchia e a un parco giochi per bambini. La misura nei confronti dell’uomo è stata decisa nel timore che possa compiere atti più gravi e maggiormente offensivi nei confronti dei minori. Queste le motivazioni che hanno determinato l’Autorità Giudiziaria a disporre che negli orari coincidenti con quelli di entrata e uscita dei minori dalle scuole, l’uomo si presenti alla polizia giudiziaria.