Frosinone. In sei anni hanno evaso il fisco per 42 milioni di euro depositandone circa 36 presso istituti di credito di San Marino. Per questo due professionisti di Frosinone, di 50 e 56 anni, sono stati denunciati dalla Guardia di finanza locale per frode fiscale. Oltre loro, quattro funzionari di banca italiani sono indagati per esercizio abusivo di attivita’ finanziaria e riciclaggio: secondo gli inquirenti – spiega una nota – attraverso sofisticate operazioni banc304517_4792484_4I3V5590_6_16142551_displayrie hanno trasformato l’originaria provvista, derivante dal ”nero” dell’attivita’ professionale, in apparenti depositi personali presso banche estere e, quindi, al riparo dall’occhio del fisco italiano. La frode sarebbe stata penetrata tra il 2006 e il 2013 e’ smascherata grazie ad un’indagine durata oltre un anno che gli uomini del nucleo di Polizia tributaria della Gdf di Frosinone hanno svolto in collaborazione con la procura locale e avvalendosi delle risultanze di rogatorie internazionali con il Tribunale commissariale della Repubblica del Titano.