Latina. Studenti scendono in piazza contro la mafia. “Noi stiamo con l’Aielli”, il magistrato che nei giorni scorsi ha ricevuto minacce di morte attraverso la pubblicazione di un manifesto funebre affisso in città. Ed era proprio oggi la data dello svolgimento delle esequie impressa sui manifesti funebri indirizzati al giudice antimafia Lucia Aielli, data che si é trasformata in un corteo di studenti e associazioni per testimoniare solidarietà al magistrato ed alla sua famiglia. Al grido di “Noi la mafia non la vogliamo” e “Noi stiamo con la Aielli” i ragazzi stanno muovendo da piazza del Popolo, sotto al Comune, verso il Tribunale, in piazza Buozzi. Lì alle 11,30 l’Associazione nazionale magistrati ha organizzato un incontro. In piazza anche il sindaco Giovanni Di Giorgi, assessori e numerosi esposenti politici di maggioranza e opposizione. I ragazzi indossano le magliette #iostoconaielli e issano cartelli con lo stesso slogan usato su twitter per lanciare l’iniziativa di oggi. Alla manifestazione hanno partecipato anche le figlie del giudice, studentesse del liceo classico: i falsi manifesti funebri, si ricorda, erano stati affissi al tribunale e di fronte la scuola frequentata dalle ragazze.