Latina. Il maltempo sta colpendo diverse zone d’Italia, e piogge intense si registrano anche nel Lazio. Un violentissimo nubifragio ieri pomeriggio, si è abbattuto nel Sud pontino, ed ha causato pesanti danni per i cittadini e gravi problemi nelle strade e campagne di Gaeta e Itri, in provincia di Latina. Molte persone sono rimaste bloccate in casa per via degli allagamenti mentre sono state moltissime le chiamate ai vigili del fuoco per le richieste di intervento.
A Gaeta, nella zona di via Canzatora, è esondato il torrente Pontone e il Sindaco, Cosmo Mitrano, ha emesso ordinanza di sgombero immediato delle abitazioni situate nella strada e di quelle che si trovano lungo i margini del Torrente ad una distanza di almeno 150 metri lineari dagli argini. Il primo cittadino ha invitato la popolazione ad adottare ogni precauzione per evitare danni a perstraripamento-pontone-1sone e cose e ha attivato gli organi competenti affinché pongano in essere ogni azione volta alla salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata.  Nell’area di Itri invece i Vigili del fuoco sono stati impegnati per ore: il torrente Sant’Andrea è tracimato e l’Appia, all’altezza del km 131, è stata temporaneamente chiusa per motivi di sicurezza.  Anche oggi continua a piovere sul Sud Pontino, le piogge hanno perso intensità ma continueranno per lo meno fino a domenica. La situazione nei comuni di Fondi, Itri e Gaeta è molto critica e i Vigili del Fuoco, insieme agli uomini della Protezione Civile, hanno lavorato tutta la notte per scongiurare disagi ancora più gravi. A Fondi, in particolare, l’intervento del Consorzio di Bonifica e della Polizia ha evitato il black out: l’acqua infatti aveva invaso la centralina dell’Enel dove si genera elettricità per tutto il Comune. Anche l’ospedale San Giovanni di Dio è stato messo a dura prova con molti locali allagati. In città i canali sotto osservazione sono il Pedemontano e il Sant’Andrea che, anche se la pulizia è stata effettuata da poco, hanno raggiunto il livello della strada.