Roma. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato due persone, denunciandone a piede libero una terza, con l’accusa di tentato furto aggravato. Nel primo caso, i militari hanno sorpreso due giovani nomadi di origini slave di 12 e 19 anni, entrambe provenienti dall’insediamento di via di Salone, che erano intente ad armeggiare sulla porta d’ingresso di un appartamento di via Santamaura, zona San Pietro. Ad attivare il «112« è stato un vicino che aveva udito degli strani rumori provenire dal pianerottolo. La ragazza maggiorenne, al momento del fermo, è stata trovata in possesso di numerosi carabinieri controlliarnesi per lo scasso che sono stati sequestrati. Per lei è stato disposto il trasferimento nella camera di sicurezza dell’Arma mentre la complice minorenne, non imputabile vista la sua giovane età, è stata accompagnata nel Centro di Prima Accoglienza di via Ardeatina. Il secondo arrestato è un romano di 65 anni, sorpreso subito dopo aver forzato la porta di una cantina ubicata al seminterrato di un palazzo di viale delle Medaglie d’Oro. Anche in questo caso, la tempestiva segnalazione fatta al «112« da parte di un condomino ha permesso ai Carabinieri di intervenire in tempo utile e bloccare il ladro. Quest’ultimo ha anche fornito ai militari delle generalità fasulle. Il 65enne, infatti, è risultato essere già sottoposto agli arresti domiciliari per una rapina a mano armata commessa tempo addietro, e pensava di nascondere la sua vera identità per evitare altri guai.