Roma. Continua senza sosta l’attività diretta a contrastare il fenomeno dei furti di rame sulla linea ferroviaria da parte della Compartimento Polizia Ferroviaria del Lazio. In tale ottica la decorsa serata il personale del predetto Compartimento ha tratto in arresto dieci cittadini romeni dai 19 ai 54 anni, tra cui una10846159_691126737662016_2681171799780181675_n donna, un padre ed il figlio, responsabili di furto pluriaggravato di cavi di rame sulla linea Roma – Viterbo all’interno della galleria tra le stazioni di Roma Trastevere e Roma Quattro Venti.  Da diversi giorni, nonostante le azioni di contrasto che già avevano consentito l’arresto di tre cittadini romeni nello scorso mese di settembre, il personale di Rete Ferroviaria Italiana segnalava una ripresa dei furti di rame nel tratto ferroviario. In particolare nella stazione ferroviaria “Quattro Venti”, verso le ore 21 di ieri sera si segnalava una interruzione di corrente nel circuito che alimentava le pompe idrovore, sono dunque intervenuti gli agenti in zona che hanno immediatamente bloccato i due accessi della galleria.  Dopo aver precluso ogni via di fuga i poliziotti a piedi hanno percorso la galleria, lunga circa 2 km, all’interno della quale sono state sorprese dieci persone che, dopo aver abbandonato gli attrezzi ed i cavi di rame già tagliati, hanno cercato invano di fuggire venendo immediatamente bloccati. All’interno della galleria a seguito di un’accurata ispezione sono stati rinvenuti otto taglierini completi di lame di riserva, 1 cesoia, guanti in lattice e zaini, nonché circa 700 kg di rame idonei a servire un tratto di rete ferroviaria di circa 700 metri. Il rame recuperato è sttao riconsegnato a personale ferroviario immediatamente intervenuto. Le dieci persone tratte in arresto, tutte con precedenti specifici, saranno processate nella mattinata odierna con rito direttissimo.