Roma. “Vale 100 minuti, una sola corsa in metro/treno”. Sul biglietto standard integrato a tempo di metrebus Roma è questa la frase riportata. Peccato però che spesso e volentieri il costo di ben 1.50 € non assicuri nei suoi 100 minuti di validbiglietto_integrato_a_tempo_roma_150ità la conclusione dello spostamento del cittadino romano. Infatti supera abbondantemente l’ora e mezza il tempo da trascorrere sui mezzi pubblici nel giorno medio lavorativo nella Capitale. Un sondaggio globale di Moovit, l’applicazione del trasporto pubblico con avvisi e orari in tempo reale, rivela che i pendolari romani perdono nell’attesa del mezzo pubblico quasi un terzo del tempo totale di percorrenza. “Il nostro obiettivo – afferma Alex Torres, VP Global Marketing di Moovit – è stato di rendere la città più fruibile in modo che le persone, avendo accesso ai dati sui loro spostamenti prima e durante il loro viaggio, possano smettere di aspettare i mezzi e sfruttare i tempi morti dell’attesa in modo più costruttivo”. Peccato però che non tutti possiedono uno smartphone che gli consenta di accedere a tale applicazione, soprattutto persone di una certa età che spesso sono quelle che si servono in maggiore occasione del mezzo pubblico, non potendo più guidare. Se, oltre questa innovativa applicazione, i tabelloni posti vicino alle fermate con gli orari di arrivo dei bus fossero sempre attendibili, aggiornati e funzionanti, forse si riuscirebbe davvero a dare una mano a quei pendolari, anziani o studenti che si servono del trasporto pubblico. Giulia Di Giovanni