Roma. Tragedia alla metro un bambino di 4 anni è morto dopo essere caduto nella tromba dell’ascensore. E’ accaduto alla stazione Furio Camillo della metro A di Roma. Inutili i soccorsi degli operatori del 118, quando il piccolo è stato estratto dai vigili del fuoco era già morto. Il Piccolo Marco , insieme alla mamma Francesca, 43 anni, è rimasto bloccato nell’ascensore che dai tornelli di ingresso portano alla banchina al piano inferiore. L’elevatore era pieno di gente quando improvvisamente si è bloccato. Fra la genRIAPERTA STAZIONE METRO A ROMA, POLVERE NON ERA NOCIVAte ci sono stati malori e attacchi di panico. A quel punto sembra, è stato riferito da alcuni soccorritori, che per aiutare le persone a uscire un addetto alla sicurezza abbia utilizzato un altro ascensore affiancandolo a quello blocato. E dopo aver aperto una porta di comunicazione avrebbe fatto passare i passeggeri intrappolati uno ad uno da un elevatore all’altro. Tra i due ascensori c’era però uno spazio al centro e quando è toccato a Marco, il piccolo è precipitato nel vuoto facendo un volo di oltre dieci metri. La donna è stata soccorsa dal personale del 118 ed è in stato di shock. Il padre, Giovanni, che vive con la famiglia in via Cesare Baronio, zona Appia, era al lavoro in una libreria di via Veneto ed è stato avvertito dai carabinieri dopo l’incidente. Sulla vicenda indagano i carabinieri e la Procura per omicidio colposo contro ignoti. Gli inquirenti hanno posto sotto sequestro l’impianto dell’ascensore e delegato i carabinieri per una serie di accertamenti. Sconvolto il dipendente presente al momento dell’incidente che è stato colto da malore e assistito. Testimoni dicono di avere visto i vigili del fuoco piangere. E in segno di lutto il Campidoglio ha stabilito per stasera un minuto di silenzio durante gli spettacoli nei più importanti luoghi di cultura di Roma: dal Teatro dell’Opera all’Auditorium, Santa Cecilia. Mentre è stato annullato il dibattito con il presidente Zingaretti e sospese tutte le iniziative previste per questa sera alla Festa de L’Unità di Roma.